Da lunedì 5 ottobre riprendono tutti i corsi in presenza. Clicca qui per leggere le norme da rispettare per accedere alla scuola

Pianoforte e Tastiere

Introduzione

Oggi suonare il pianoforte in ambito moderno nello show business è diventato più difficile; bisogna essere ottimi pianisti e conoscere le tecnologie necessarie per rendere unico il live e la musica dal vivo. Bisogna saper utilizzare le tastiere, gestire contemporaneamente più suoni e più patch come Hammond Organ, Lead Synth, Playout di Sequenze, Clavinet, Roli Seaboard, Synth Bass, pianoforti elettrici come Wurlitzer e Fender Rhodes e altro ancora. La tecnologia progredisce e ci offre moltissime soluzioni. Allo stesso tempo ci chiede di essere sempre più aggiornati e sempre più competenti. Il tastierista è forse la figura più completa all’interno della band in quanto deve conoscere lo sviluppo dello show e deve programmare molto spesso l’intero spettacolo. Questo è quello che ci si aspetta da queste figure professionali ed è quindi necessario un percorso di studio dedicato, flessibile, che fornisca un bagaglio culturale approfondito basato sulla versatilità e sull’eclettismo.  
Alla base di tutto devono esserci solide fondamenta che permettano poi lo sviluppo delle tecniche specifiche necessarie per l’espressione. I requisiti di base sono: curiosità, propensione allo studio, competenze di informatica di base, versatilità e capacità di adattamento.

Programma di studio

Il programma di studio è denso e complesso; oltre alla tecnica di base che si acquisisce sul pianoforte è necessario entrare nel dettaglio degli strumenti specifici. Il primo approccio avviene attraverso l’uso di software come Logic Pro X, Cubasis LE, Ableton Live e MainStage che permettono l’utilizzo di innumerevoli plug in, virtual instrument e stack capaci di gestire più controller midi anche contemporaneamente. Di seguito, a titolo di esempio, alcuni tra i più usati metodi di studio. Prima di procedere nella lettura è importante capire che lo studio delle tastiere è da considerarsi una scienza applicata che prende spunto da molteplici esperienze musicali; di conseguenza non può esistere un unico metodo di studio e non può esistere nemmeno un’unica soluzione a quello che di volta in volta ci viene chiesto di suonare.

Pianoforte – Tecnica strumentale, postura, indipendenza delle mani e lettura
– Hanon il pianista virtuoso, vol. 1 e 2
– Beyer, Scuola preparatoria del pianoforte op. 101
– Manuale di solfeggio vol. 1, Mario Fulgoni
– Brani del repertorio classico semplificati
– Invenzioni a due voci di Bach
– Blues Hanon Leo Alfassy
– Jazz Hanon Leo Alfassy

Teoria, armonia e voicing
– Jazzmaster Cookbook, John Graham
– Modern Jazz Voicing Berklee Press
– Voicings Mantooth

Hammond Organ
– Hammond Organ Complete, Dave Limina
– 101 Hammond B3 Tips Brian Charette

Lead Synth and Pad
– The Complete Synthetizer, David Crombie

Play Along
– Jamey Abersol Jazzbook
– Rockschool Keyboard Grade 3 – 3
– selezione di brani moderni per lo studio dei suoni dello stile e delle tecniche esecutive specifiche

Per lo sviluppo della lettura a prima vista il corso può prevedere l’utilizzo di alcune applicazioni interattive all’avanguardia come per esempio Simply piano per iPad.

Le lezioni e il metodo

Modalità del corso: 30 lezioni da 45 minuti con frequenza settimanale.

Lo studente viene indirizzato verso più stili e più tecniche possibili e viene stimolato attraverso l’abitudine allo studio mediante una practice routine consolidata.

Gli insegnanti saranno la guida spirituale dell’allievo e cercheranno di indirizzare lo studente verso il naturale sviluppo degli interessi maturati durante il corso. Probabilmente ad un dato punto del percorso nasceranno nello studente esigenze e curiosità tali da rendere necessaria la selezione di una parte del programma oppure alcuni approfondimenti. Il corso si presenta a tutto tondo e cerca di fornire tutte le competenze necessarie per diventare un ottimo professionista capace di affrontare a testa alta il mondo del lavoro e lo show business moderno.

Ogni singolo insegnante, oltre ad avere un denominatore comune con i colleghi del dipartimento, ha delle specificità intrinseche e può decidere di modificare gli argomenti e l’utilizzo del materiale didattico come meglio crede sulla base del fatto che ogni allievo merita un percorso il più possibile specifico per le proprie caratteristiche ed esigenze. Questo compendio ha lo scopo di indicare in prima battuta le principali caratteristiche del corso; è sempre consigliato un colloquio privato con l’insegnante di riferimento per poter stabilire la soluzione migliore possibile per il proprio percorso di studi che dovrà essere unico nel suo genere e ricco di esperienze.

La musica è la tua esperienza, i tuoi pensieri, la tua saggezza. Se non la vivi non verrà mai fuori dal tuo strumento.
Charlie Parker